Nuovi SSBN in arrivo per la marina russa

Nel mese di agosto sono stati impostati due nuovi classe Borei, portando così il totale a 10 unità. Nella consegna degli SSBN verrà data priorità alla Flotta del Nord

K-550 - Classe Borei
Il K-550 Aleksandr Nevskiy, fotografato all’ormeggio in una base della Flotta del Pacifico. Fonte: Wikimedia Commons. Autore: Mil.ru. CC BY 4.0

Nel mese di agosto, sono stati impostati due nuovi esemplari di sottomarini lanciamissili balistici della classe Borei. Si tratta del Dmitry Donskoy e del Knyaz Potemkin, presso il cantiere navale Sevmash di Severodvinsk. Di conseguenza, il totale dei Borei ordinati (tra unità in servizio ed in costruzione) ha raggiunto quota dieci.

Contemporaneamente, l’attività sugli altri esemplari non si ferma. Da tempo, ormai, sono in corso le prove in mare del Knyaz Oleg, che dovrebbe entrare in servizio entro la fine dell’anno, mentre nel 2022 dovrebbero iniziare quelle del Generalissimus Suvorov. I classe Borei, dunque, si apprestano a diventare i principali SSBN in servizio con la marina russa, permettendo quindi di radiare i più vecchi classe Delta IV (che ormai superano tutti i 30 anni di servizio).

I nuovi sottomarini dovrebbero entrare nella Flotta del Nord. Inizialmente, le varie unità avrebbero dovuto essere equamente divise tra le due flotte principali (Nord e Pacifico), ma la grande importanza che sta iniziando ad avere la regione artica pare che abbia convinto la marina russa a rivedere i suoi piani. Tuttavia, in futuro rinforzare la Flotta del Pacifico sarà comunque necessario, visto che, prima o poi, bisognerà sostituire il K-44 Ryazan, ultimo esemplare della classe Delta III ancora in servizio e che compirà i 40 anni di servizio attivo nel 2022.

Collegamenti esterni